«

Set 09 2019

Stampa Articolo

DIARIO di un campo di volontariato: E…STATE IN MURGIA 2019

Un gruppo di persone calate tra 200 ettari di bosco di roverella e pascolo, uno jazzo alle spalle, pecore gentili e altamurane al pascolo, cavalli murgesi in abbeverata, cani abruzzesi da pastore dagli occhi vispi e attenti, e pietre tante pietre di roccia calcarea che diventano strutture rurali dai contorni semplici e forti.

69708750_10217667237247033_8189752126591729664_n

IMG-20190909-WA0004

IMG-20190909-WA0011

Una vecchia stalla che diventa un alloggio essenziale per chi ricerca un contatto autentico con gli elementi naturali. Così la cornice di Jazzo Corte Cicero diventa la sede del campo di volontariato per conoscere, scoprire, essere, perdersi, ritrovarsi sull’Alta Murgia.

70195699_10217667225526740_5365411061858041856_n69715621_10217667257167531_2742145531106033664_n

IMG-20190907-WA002570406832_10220139106536990_4089699723613569024_n70791966_10220139114617192_2267732853863219200_n IMG-20190907-WA0029

69908516_10217667224726720_5277327853917044736_n 70298888_10217667292848423_4373461486941503488_n IMG-20190907-WA0041 IMG-20190908-WA0079IMG-20190907-WA0013 IMG-20190909-WA0006 IMG-20190908-WA0080

69858951_10217667366570266_3739845551835840512_n 70428787_10217667363010177_2765641184058540032_n

Un sentiero, un viaggio, un’esperienza, un’emozione. Il ritorno alla lentezza dei tempi della Natura, degli animali, dell’erba che cresce e profuma di buono.

IMG-20190909-WA0017

IMG-20190906-WA0035 IMG-20190908-WA0009 IMG-20190909-WA0053

I passi di 19 volontari mossi nella stessa direzione per costruire qualcosa nella semplicità, nel rispetto del prossimo e dell’identità dei luoghi.

70077643_2407859092873867_2879592889829031936_n

IMG-20190908-WA0076 IMG-20190908-WA0064 IMG-20190908-WA0002 IMG-20190907-WA0049 IMG-20190908-WA0005 IMG-20190907-WA0023

IMG-20190908-WA0032 IMG-20190908-WA0037

Ringraziamo di cuore l’Ente Parco Nazionale dell’Alta Murgia per averci dato l’opportunità di contribuire attivamente alla valorizzazione del nostro territorio con l’attrezzamento dal basso, in forma volontaristica, di 13 Km di sentiero lungo la piana di San Magno in agro di Corato.

IMG-20190909-WA0014

IMG-20190908-WA0058

Ci piace raccontare l’esperienza di questo quarto campo di volontariato con le parole di chi l’ha vissuto, nella consapevolezza che mai nulla è ripetibile perché frutto di combinazioni casuali talvolta armoniche come in questo caso.

IMG-20190906-WA0005

69984661_2549477595280044_8588430082136080384_n

GIUSEPPE: c’è una sola cosa più bella del vivere in contatto con la natura; è viverla insieme a nuovi amici

FILIPPO: Buondì a tutti…(ma vista l’ora dovrei augurare buon appetito)…e soprattutto un grazie speciale a tutti….mi avete regalato una bellissima esperienza, che mai avrei pensato di fare, che allo stesso tempo mi entusiasmava tanto… ero preoccupato per diverse cose; il dovermi confrontare con un bel po’ di persone che non conoscevo in nessun modo, il disagio del mio russare (un bel mix tra un cinghiale e una pala meccanica), pensavo di essere il più grande del gruppo…e invece è stato bello ritrovarsi con persone più grandi di me e con molta più esperienza e non solo di cammini…ma esperienza di vita, oppure vedere quelli più piccoli di me..con il loro entusiasmo e la loro vitalità, mi avete fatto rivivere l’esperienza della convivenza…(vissuta solo nel periodo universitario).
Ma la cosa che mi ha sorpreso di più è stato vedervi parlare con la natura…chiamavate le piante, le erbe per nome…dove per me era semplicemente l’origano della Murgia ad esempio…o con gli insetti…dove prima di questa esperienza per me erano semplicemente…mosche, zanzare, cavallette e ragni e basta… oppure riconosce un falco o altre specie di volatili…e distinguere la coda, il colore…dove io appena riuscivo a vedere qualcosa che si muoveva nel cielo……e mi dicevo: “Filippo tu adori la natura, le piante gli animali…ma in realtà non sai un…………… fico secco di questa fantastica e affascinante Murgia…”
Insomma ragazzi…forse mi sono dilungato troppo…ma voglio ancora una volta ringraziare tutti…ma soprattutto Angela Veneziano che ha fatto l’invito di questa fantastica esperienza a mia moglie (sua ex collega), a mia moglie (donna che adoro) che mi ha spinto a farla senza di lei, perché sapeva bene quanto desideravo fare questa esperienza…e che spero presto si unisca al gruppo per una prossima uscita, agli organizzatori che sono stati sempre molto gentili…che non mi hanno mai fatto sentire a disagio…ma soprattutto inesperto…

IMG-20190909-WA0028

ANNALISA: siete stati una bellissima scoperta. Grazie per queste piacevolissime giornate
IMG-20190907-WA0052

GIOVANNI:  ci siamo finalmente io e la vedova nera mediterranea o malmignatta, la prima della mia vita. Ritrovamento molto emozionante ed emblematico visto che ad un metro di distanza ho trovato anche una Lycosa tarantula. Interessante trovarle così vicine perché il tarantismo nasce per via di queste due specie;  tuttavia  è alla malmignatta e non alla tarantola che si devono i sintomi tipici dei “Tarantolati”. Una splendida madre con due ovisacchi che contengono uova che presto schiuderanno. È fantastica. Ma ho ancora tanto da cercare e prima o poi troverò anche te Saga pedo.

IMG-20190909-WA002669933195_10220139102136880_3742054943142445056_n

GIULIO: anche la pioggia non ci ha fermati, è stato un grande successo terminare il sentiero, nonostante la stanchezza il nostro obiettivo era comune. Grazie all’entusiasmo di tutti, alle parole e ai vostri sorrisi che hanno reso speciale questa esperienza nell’esplorare nuovi orizzonti….naturali e umani

IMG-20190907-WA0042 IMG-20190907-WA0040 IMG-20190907-WA0024IMG-20190907-WA0062IMG-20190907-WA0087

70224763_10220139108697044_3999332181481619456_n 70250398_10220139116457238_6620872595669516288_n

VINCENZA: ho apprezzato la dimensione comunitaria che si è creata tra noi e che non avevo mai vissuto

IMG-20190908-WA0040 IMG-20190907-WA0075

Hanno partecipato

Da Leverano (Lecce): Paolo Cappello

Da San Vito dei Normanni(Brindisi): Giovanni Tinella

Da Molfetta (Bari): Chiara Gadaleta e Vincenza Amato

Da Andria (Bari): Giuseppe Porro e Fusaro Filippo

Da Barletta (Bari): Annalisa Prascina

Da Mola di Bari:Giuseppe Errico

Da Bitonto (Bari): Giulio Vitale e Nicola Maggio,

Da Bari: Lucia Masciopinto

Durante le singole giornate hanno collaborato i seguenti volontari di Inachis Bitonto:

Federico Porro (Andria), Dominga Abbondanza (Bitonto), Massimo Cavallo (Barletta), Filippo Tito (Trani)

Hanno coordinato il campo:

Antonella Ciocia, Angela Veneziano, Francesco Ambrosi e Angela Ciocia

69931557_10220139105976976_2023242171250900992_n

Un ringraziamento particolare va al nostro poliedrico e appassionato relatore Nico Tedesco, a Rocco Sorino per l’ospitalità e la passione nel suo lavoro di ricercatore/pastore, a Franco Palmiotto della proloco di Toritto per l’accoglienza presso l’info point della stazione FAL e per tutti i  suggerimenti per una spesa a chilometro zero. A Luciana Zollo che ci ha seguito professionalmente, con costanza ed empatia nella costruzione di questo progetto.

Ringraziamo per il prezioso contributo il Direttore e il Presidente del Parco Nazionale dell’Alta Murgia

Permalink link a questo articolo: http://www.inachis.org/wordpress/?p=3778